Marco De Gasperi official website - campione del mondo di corsa in montagna

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.

Corsa in Montagna

Notizie

Trofeo Marmitte dei Giganti
19 ottobre 2008
Bene anche nell'ultima corsa in montagna della stagione!

Visualizza il video della gara su yuotube realizzato da Sergio

Signori ultimo giro, si chiude! Quale occasione migliore allora per dare l’arrivederci alle corse in montagna del 2008 (eccezzion fatta per la gara di Maggianico (Lc) il 9 novembre e la Kolsass Berglauf in Austria il 7 dicembre, da interpretare come allenamento) con il Trofeo Marmitte dei Giganti? La competizione della Città del Mera è una gara a staffetta a tre elementi e il percorso è ricavato all’interno del Parco Naturale delle Marmitte, ove a testimonianza dell’epoca glaciale, sono rimaste queste roccie di forma cilindrica o a “scodella”. Il tracciato misura circa 7 km e, dopo una salita iniziale di un km circa, presenta numerosi tratti in saliscendi anche piuttosto tecnici. Le numerose pietre che compongono il sentiero, sia in salita che in discesa,  non consentono distrazioni, ed esaltano le doti di agilità degli atleti. La formazione del Gruppo Sportivo Forestale è formata da Marco “Rino” Rinaldi, dal buon Lele Manzi, e dal sottoscritto. Gli avversari più temibili sulla carta sembrano essere Falchi Lecco e Atletica Valli Bergamasche. In prima frazione “Rino” fa sul serio, stacca subito tutti e si presenta sul traguardo dopo 28’06”, con un margine sugli inseguitori cioè Silvio Gatti dei Falchi e Fabio Ruga della Recastello (in gara a titolo individuale per mancanza di compagni) di oltre 1’. Lele in seconda frazione riesce a correre su buone cadenze (29’08”) portando il divario sugli inseguitori (sempre i Falchi con Carlo Ratti) a 2’30” circa in zona cambio. Decido di partire controllato sulla prima salita, non è molto lunga, ma è ripida e con molti scalini. Nella parte saliscendi le sensazioni sono di pesantezza, ma non mi limito a controllare, e spingo anche nel secondo tratto di salita di 5’ verso metà gara. Affronto la discesa verso la chiesa con facilità, poi spingo a fondo nel tratto di asfalto e di pavè che conduce all’arrivo in Pratogiano. 27’34” il tempo, nuovo record del tracciato, anche se molto spesso nella sua storia, il percorso ha subito diverse variazioni non consentendo di raffrontare i tempi negli anni. Al secondo posto finiscono i Falchi Lecco, con in ultima frazione un positivo Davide Trincavelli, che il giorno precedente aveva inseguito Damiano Cunego in bici sulle strade del "Lombardia" . Terza piazza per la compagine del CSI Morbegno con Stefano Sansi, Mattia Curtoni e Giovanni Tacchini.

La Valchiavenna mi porta sempre bene. Lo scorso anno è arrivato il record del Trofeo Madonna d’Europa, antipasto della vittoria iridata di Ovronnaz (Sui), quest’anno quello del “Chilometro Verticale di Lagunch” e ora il primato delle “Marmitte”. Sarà merito dei pizzocheri chiavennaschi del “Crotto al Prato”?



Torna all'elenco delle notizie da Marco de Gasperi